Armi di distrazione di massa

  
Venerdì gli Stones si sono esibiti per la prima volta nella loro storia a Cuba, a suggellare il disgelo tra quel Paese e l’ingombrante ed embargadero vicino.

Ora, ferma la pateticità di vedere dei settantacinquenni scimmiottare se stessi cinquantacinque, cinquanta o anche “solo” trentacinque anni fa, c’è da rilevare che dove l’esportazione della democrazia non arriva, la banda di Mick, Keith e Charlie ce la fa senza problemi. Ben fatto, ragazzi.

Alla fine avevano ragione loro (e gli altri) negli anni Sessanta: mettete dei fiori nei vostri cannoni; funzionano meglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...